Borsa di studio Togna, premiati anche quattro studenti dell'Istituto Lancia

Un riconoscimento per i meriti scolastici. Il contributo è andato a Roberta Lanfranchini, Nicolò Casella, Claudia Shala e Mauro Santomauro

Data:

martedì, 08 dicembre 2020

Argomenti
Notizia

Borsa di studio Togna 2020/21, il contributo premia anche quattro ragazzi dell’Istituto Lancia.
Per l’Ipsia Magni sono stati individuati Roberta Lanfranchini di Serravalle, (V Meccanici) e Nicolò Casella di Varallo, diplomato l’anno scorso sempre nel corso Meccanici e oggi iscritto all’università; per l’Itis Lirelli la scelta è caduta su due giovani borgosesiani: Claudia Shala (III A Chimica) e Mauro Santomauro, anch’egli appena diplomato nel corso Meccatronica e oggi studente universitario.
La borsa di studio, istituita una quindicina d’anni fa, nasce dal lascito del commerciante borgosesiano Ermanno Togna, alla cugina Maria Angela. La donna decise fin da subito di destinarne una parte alla creazione di un premio a supporto di studenti del triennio delle scuole superiori che si distinguono per l’impegno nello studio e nelle attività scolastiche e per i risultati conseguiti. Ogni anno il contributo viene suddiviso tra gli studenti segnalati direttamente dagli
istituti superiori valsesiani per i loro meriti scolastici.
Per volontà dell’erede, Maria Angela, mancata due anni fa ultranovantenne, il lascito sarà gestito negli anni futuri dall'IIS D'Adda di Varallo sulla base di un regolamento redatto e
sottoscritto dai dirigenti delle scuole valsesiane. A causa delle restrizioni dovute al Covid-19 quest’anno non è stato possibile svolgere la tradizionale cerimonia di consegna, inizialmente prevista per il 27 novembre, data di nascita della signora Togna, a palazzo D’Adda a Varallo. Tuttavia l'Istituto D’Adda ha provveduto ad erogare la cifra ai premiati in quella stessa data, nella precisa volontà di rispettare la ricorrenza.
“L'iter burocratico per l'acquisizione del lascito da parte dell'istituto D'Adda è stato abbastanza lungo e complesso – commenta il dirigente scolastico, Paola Vicario - Per questo sono molto felice di aver raggiunto questo traguardo e di aver ripristinato da quest'anno l'erogazione delle borse di studio per gli studenti dei quattro istituti superiori valsesiani, nella certezza di aver ottemperato alle volontà testamentarie della signora Togna".

Questo sito utilizza cookie tecnici per erogare i propri servizi e analizzare il traffico.

Altri dettagli