Orientare per crescere, un convegno nazionale per discutere di scuola e lavoro


giovedì, 26 settembre 2019
RELATORI SMALL.jpg

Lo organizza l’IIS Lancia a Milano il 21 ottobre. Atteso anche il ministro dell’istruzione

“Orientare per crescere”, un titolo dalle molteplici sfumature, foriero di un ricco confronto su scuola e lavoro, quello scelto per il convegno del 21 ottobre a Milano e organizzato dall’istituto “Vincenzo Lancia” di Borgosesia, Vercelli.

L’istituto valsesiano, scuola polo della rete nazionale Fibra 4.0 (90 scuole iscritte), entro le misure di accompagnamento per la Riforma dei professionali, intende con l’iniziativa promuovere ancora una volta il dialogo tra il mondo della formazione e il mondo dell’imprenditoria nell’ottica di avvicinare domanda e offerta e ridurre quelle aree di limbo che conducono da una parte alla disoccupazione dei diplomati, dall’altra ad aziende che non trovano risposte ai profili ricercati. La composizione del tavolo dei relatori è esclusiva del metodo di lavoro introdotto dalla rete: tre associazioni di categoria che rappresentano migliaia di aziende e rappresentanti qualificati del mondo della scuola e dell’innovazione. Nel convegno si parlerà dunque di tematiche di ordine generale riguardanti l’istruzione tecnica e professionale e sarà posta una particolare attenzione al problema dell’orientamento scolastico nei vari ordini scolastici.

Il seminario nazionale sarà ospitato nella sede dell’istituto superiore “Gentileschi” (fermata metro linea rossa Lampugnano, 350 posti) a partire dalle ore 10.30 e vedrà la partecipazione e collaborazione delle altre principali reti di scuole nel settore dell’industria e dell’artigianato: MAT (Manutenzione e assistenza tecnica), M2A (Meccatronica), TAM (Tessile abbigliamento e moda), oltre che delle associazioni Conrip-Confao, Consorzio dei Professionali, Almadiploma e Almalaurea.

Un parterre d’eccezione, insomma, che avrà la sua punta di diamante nel neoeletto ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, allo stato attuale in attesa di conferma.

 

Dopo i saluti istituzionali dell’Usr Lombardia e un breve saluto dei capofila di rete (Carmelo Profetto, IIS Lancia, Borgosesia (VC), rete Fibra 4.0; Gianni Camici, IIS Cellini di Firenze, rete Fibra; Maurizio Chiappa, IIS Marconi, Dalmine (BG), Rete M2A, Meccatronica; Marco Pacati, IIS Pesenti, Bergamo, Rete MAT, Manutenzione e assistenza tecnica; Roberto Peverelli, IIS Carcano, Como, rete TAM, Tessile abbigliamento moda), la parola passerà al Ministro dell’istruzione o suo delegato. A Fioramonti si chiederà di intervenire su “Lo stato dell’arte per l’istruzione tecnica e professionale”. Seguirà un intervento di Almadiploma, che da quasi vent’anni si occupa di orientamento post diploma (presenti Mauro Borsarini o Renato Salsone, rispettivamente presidente nazionale e direttore Almadiploma), dal titolo “L’importanza dei dati rispetto alte molteplici variabili che orientano…. Orientare e (è) educare”.

Sarà quindi l’ora del mondo imprenditoriale con Gianni Brugnoli, vice presidente per il Capitale Umano in Confindustria, che parlerà di “Il valore dell’istruzione tecnica e professionale e il significato di ‘successo formativo’ dal punto di vista delle imprese. Proposte concrete per ridurre l’attuale mismatch”, Marco Cerutti, responsabile Progetti innovativi di Confartigianato Piemonte Orientale con “Le azioni di Confartigianato per l’orientamento scolastico. Buone prassi dai territori” e Andrea Santolini, presidente nazionale Artigianato artistico per CNA piccola e media impresa che interverrà su “L’importanza dei mestieri e la cultura della scuola-bottega.

A chiudere, uno sguardo sul futuro con Massimo Temporelli, fondatore di TheFabLab, nonché ex studente dell’Itis Lirelli di Borgosesia, che unirà ieri e domani: “Dalla tradizione all’innovazione, una proposta per promuovere le start-up”.

Arduino Salatin, preside IUSVE e coordinatore delle Linee guida dell’istruzione professionale, trarrà infine un primo bilancio della riforma presentando Potenzialità e criticità del nuovo assetto didattico-organizzativo dei professionali”.

A moderare il convegno sarà il dirigente scolastico dell’istituto “Lancia” di Borgosesia, Carmelo Profetto.

Idee, proposte operative e buone prassi arriveranno al termine delle relazioni dai territori. Dalla prima fila interverranno Rosanna Rossi, presidente del Consorzio dei Professionali (Educare per competenze spendibili) e Simone Nuzzo, case manager dello sportello del lavoro IIS Lancia (Un progetto di interregionalità in Garanzia Giovani – Testimonianze dai territori. Modelli di formazione specifica per docenti di laboratorio Scuola-azienda).

Gli interventi saranno intercalati da brevi letture di famosi autori italiani del presente e passato relativi al lavoro, arte e mestieri. Gli intermezzi saranno a cura della prof.ssa Maria Rosa Pantè.

Dopo una breve pausa pranzo seguiranno le assemblee nazionali annuali Fibra 4.0 e MAT per eleggere gli organi costitutivi delle reti, individuare le scuole polo regionali e concordare misure accompagnamento.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie